AISA - Associazione Italiana per la storia dell’Automobile

Area riservata

sfondo

1930 la prima volta del “Double Chevron” alla Mille Miglia

Il socio A. A. Vatrano ci invia questo articolo che riproduciamo per gentile concessione della rivista on-line la Freccia Rossa

La Citroen Italiana, con l’uscita del 30 gennaio 1929 con la copia omaggio di uno strumento di promozione a mezzo stampa “Il Grido del Cuore – Citroen Italiana. Degli Automobilisti di Ieri, di oggi, di domani”, nel pubblicare programma ed azioni, esprime la sua mission aziendale, definendosi “la grande casa Milanese” ed attivandosi per intensificare lo sviluppo dell’automobilismo in Italia, mediante la costruzione di vetture utilitarie, per andare a colmare quello che – a suo dire – costituiva un vulnus nella produzione automobilistica italiana, carente proprio dei modelli messi in produzione dalla Citroen: ovvero la C6 e la C4.Il Grido del Cuore Citroen Italiana 30 gennaio 1929.

Nel programma di promozione, inoltre, vi è anche il sostegno alla partecipazione di autovetture della casa francese in importanti eventi nazionali.
Regolamento IV Mille Miglia 1930         

In tal modo, poiché la partecipazione alla Mille Miglia avveniva anche per mezzo di benefici promozionali, presero il via ai nastri di partenza della IV edizione del 1930 (quella in cui, stando alle cronache dell’epoca, vennero superati i 100 km/h di media ed ad imporsi fu Tazio Nuvolari in coppia con Giovan Battista Guidotti a bordo dell’Alfa Romeo 6C 1750 GS “testa fissa”), anche le piccole Citroen Spider C4, per una sincera operazione dimostrativa. Trattandosi di un’autovettura dotata di propulsore con cilindrata superiore ai 1600 cmc, venne inserita per regolamento nella categoria “Classe E” (oltre i 1500 e fino a 2000 cmc).

Il 1930, dunque, è l’anno in cui – per la prima volta- la casa francese compare negli elenchi dei partecipanti alla corsa bresciana con ben sei equipaggi. Il miglior piazzamento fu conseguito dall’equipaggio Ferriani – Sancricca che, a bordo della vettura numero 13 si piazzarono cinquattottesimi, conseguendo il tempo di 25.29’37”.

Tutti i piazzamenti delle Citroen C4 Spider che parteciparono

alla IV ed. della Mille Miglia del 1930

Equipaggi

Mod. Auto

N°di gara

Tempo

N°di arrivo

Ferriani – Domenico Sancricca

Citroen Spider C4

N°13

25.29’37”

58

Giulio Binda – Attilio Belgir

Citroen Spider C4

N°9

25.36’54’’

60

Rino Ruvioli-Emilio Bernardi

Citroen Spider C4

N°6

25.38’06’’

61

Bruno Pesenti -Marino Baccoli

Citroen Spider C4

N°12

25.43’46’’

62

Abele Clerici-Rinaldo Tinarelli

Citroen Spider C4

N°5

25.45’57’’

64

Stanislao Terziani – Femminini

Citroen Spider C4

N°7

27.50’45’’

73

 Autore Fotografia Studio Fotografico Alberto Montacchini Borgo San Biagio N°4 Parma – Mille Miglia 1930 Citroen C4 N° 7 Stanislao Terziani – Femminini.     Autore Fotografia Studio A Annibaletto Brescia - Mille Miglia 1930 Citroen C4 N° 9 Giulio Binda – Attilio Belgir.

 

 

 

Autore Fotografia Studio A Annibaletto Brescia – Mille Miglia 1930 Citroen C4 N° 9 Giulio Binda – Attilio Belgir.
Autore Fotografia Studio Fotografico Alberto Montacchini Borgo San Biagio, 4 Parma – Mille Miglia 1930 Citroen C4 N° 7 Stanislao Terziani – Femminini.

La partecipazione alla Mille Miglia consentì alla Citroen di poter vantare tale prestigio per promuovere le caratteristiche delle sue auto.

??????????????????????????????????????????????????????????????

Sul retro di una postcard promozionale d’epoca della Spider C4 (vedi illustrazione) si legge “Le meravigliose doti di robustezza, resistenza e regolarità di marcia di questo indovinatissimo modello, hanno avuto la più brillante conferma dalla vittoria ottenuta con esemplari strettamente di serie – nella dura prova della 1000 Miglia”.

Questo episodio conferma una delle caratteristiche della corsa più bella del mondo, ovvero quella di fungere da banco di prova in grado di rafforzare la credibilità e le strategie commerciali di tutte le case automobilistiche partecipanti che, indipendentemente dal posizionamento conseguito, sono giunte integre al traguardo.

DATI PRINCIPALI TIPO “C4”

Numero dei cilindri

4

Potenza effettiva

HP31

Potenza fiscale

HP 17

Regime normale

Giri 3000

Alesaggio

mm. 72

Corsa

mm. 100

Cilindrata

Litri 1,628

Valvole

Laterali

Carburatore

solex

Accensione

Spinterogeno a magnete

Serbatoio

L38 anteriore

Frizione

Monodisco a secco

Cambio

A tre velocità

Trasmissione

A doppio nodo cardanico

Freni

A pedale sulle 4 ruote, e servofreno: a leva sulle ruote posteriori

Telaio

Lungheroni alti, numerose traverse in lamiera e tubolari

Ruote

A disco

Pneumatici

13X45

Peso guida interna

Kg.1175

Velocità

85 km./ora

Consumo benzina

11,5-14 litri/100 km

 

 

 

AutomobiliaVatrano.

 Fonte Piloti e Classifiche tempi: 
Mille Miglia G.Canestrini pp.194 – L’Editrice dell’Automobile 1967.
Mille Miglia – Una corsa Italiana – di Luigi Orsini e Angelo Tito Anselmi Abiemme 1990.
Mille Miglia Identikit –Angelo Tito Anselmi e Valerio Moretti pag.40 per Legenda

 

Fonte Foto: Cartolina/Postcard Citroen Milano.
Autore Fotografia Studio Fotografico Alberto Montacchini Borgo San Biagio N°4 Parma – Mille Miglia 1930 Citroen C4 N° 7 Stanislao Terziani – Femminini.
Autore Fotografia Studio A Annibaletto Brescia – Mille Miglia 1930 Citroen C4 N° 9 Giulio Binda – Attilio Belgir.

 

One thought on “1930 la prima volta del “Double Chevron” alla Mille Miglia”

  1. Colombo Alessandro scrive:

    Un’informazione interessante

Write a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


ombra